phon professionale

Phon professionali: conviene acquistarne uno?

phon professionaleL’asciugacapelli è uno strumento presente in ogni casa: utilizzato da tutte le donne e da tutti gli uomini per lo styling dei propri capelli, deve essere affidabile e conveniente da ogni punto di vista.

Esistono molte tipologie di phon: troviamo asciugacapelli in ceramica, agli ioni, da viaggio ma anche phon professionali. Quale convenga acquistare, dipende da molti fattori: tipologia di capelli, condizione di salute della propria chioma, necessità legate al tempo a propria disposizione da spendere per l’acconciatura. E, ovviamente, disponibilità economiche: si possono acquistare asciugacapelli da poche decine di euro, ma, nel caso in cui avessimo bisogno di specifiche tecniche più particolari, dovremo necessariamente aumentare il nostro budget a disposizione.

Tra le varie categorie di asciugacapelli, il phon professionale, probabilmente, tenderà a dare più fiducia immediata: già solo il nome infonde una certa sicurezza, rimandando inevitabilmente alla professione del parrucchiere. Ma conviene davvero acquistarne uno?

Le differenze che subito saltano all’occhio rispetto a un normale modello, riguardano per prima cosa la potenza: un phon professionali hanno un wattaggio molto superiore rispetto ai modelli standard che siamo abituati a utilizzare. Ovviamente, essendo uno strumento utilizzato da professionisti del mestiere, deve necessariamente essere più potente per consentire alla piega di risultare fissata in maniera più ottimale. Inoltre il parrucchiere ha bisogno di garantire ai propri clienti tempi veloci, oltre che risultati perfetti: considerando tutto questo, dunque, i capelli, se esposti con frequenza alla potenza del phon professionale, potrebbero rovinarsi col passare del tempo. Bisogna inoltre considerare il peso e la conseguente riduzione della maneggevolezza del prodotto, oltre al prezzo nettamente superiore rispetto agli asciugacapelli tradizionali.

L’acquisto di un phon professionale potrebbe essere consigliato alle ragazze (ma anche ai ragazzi!) con capelli particolarmente lunghi e abbondanti, abbastanza difficili da trattare: per il resto, è sempre meglio utilizzare l’asciugacapelli professionale come un’eccezione, piuttosto che come una regola. Il consiglio migliore che possiamo darvi, è di avere un modello per ogni esigenza: per l’asciugatura dei capelli normale, un buon phon agli ioni, rivestito magari in ceramica, è sicuramente la scelta più ottimale, da ogni punto di vista. Poi potreste aver bisogno di un phon da viaggio, soprattutto se siete persone sempre con la valigia a portata di mano o se frequentate palestre. Infine, il phon professionale potrebbe essere un “accessorio” in più per la cura dei vostri capelli, da utilizzare, magari, una volta ogni tanto, magari prima di andare a fare quattro salti in discoteca con gli amici o per un evento molto importante.

Preferite sempre la qualità e l’affidabilità di un marchio, al risparmio: la salute di ogni capello dipende in particolare dal metodo di asciugatura, oltre che dai trattamenti effettuati con costanza. Considerato, poi, che il prezzo medio degli asciugacapelli in commercio si è nettamente ridotto rispetto al passato, è possibile, con un piccolo investimento, portare a casa il top del top per la propria acconciatura.

Epilatore: come utilizzarlo?

epilarsiEpilarsi, a differenza di depilarsi, può provocare qualche dolorino da non sottovalutare: nel caso in cui si soffra di follicolite, è importante consultare il proprio medico ed evitare sia rasoi che epilatori. Premesso ciò, passiamo alla domanda più fatidica: quanto si soffre utilizzando l’epilatore? Un po’, è innegabile. Ma questo non vuol dire che automaticamente l’epilatore debba esser considerato uno strumento del male: esistono trucchetti molto utili da poter utilizzare per lenire il fastidio.

Di per sé le case produttrici inseriscono accessori quali testine massaggianti, getti d’aria lenitivi, trattamenti refrigeranti e altri strumenti ottimi: il dolore, comunque, è un fattore soggettivo, pertanto, prima di pendere dalle labbra delle proprie amiche, con i loro consigli e pareri, è sempre meglio provare.

Per una giusta epilazione, è importante per prima cosa tendere al massimo la pelle da trattare, specialmente delle zone più delicate: non facendolo, c’è il rischio che la pelle venga agganciata inavvertitamente alla testina. Non è così doloroso come potrebbe sembrare, ma è spiacevole senza dubbio.

Acquistando un epilatore Wet & Dry, sarà possibile sfruttare l’azione dell’acqua calda, la quale tende a far dilatare naturalmente i pori della pelle, rendendo l’epilazione più veloce e meno dolorosa. Nel caso del Wet & Dry, l’epilatore può essere utilizzato direttamente sotto la doccia o dentro la vasca: qualora fossimo in possesso di un modello non dotato di questa tecnologia, è importante procedere con l’epilazione a seguito di una bella doccia calda.

epilatore wet dryMetodi più immediati per lenire il dolore comprendono il soffiare sulla zona da epilare o già epilata o l’utilizzo di un po’ di ghiaccio avvolto in un panno, che funzioni da anestetizzante. In commercio si possono trovare creme che svolgono la stessa funzione del ghiaccio, ma ne consigliamo l’acquisto soltanto alle persone con una bassissima soglia del dolore. È possibile, inoltre, sfruttare il piacere di un po’ di buona musica di sottofondo, magari rilassante, in modo che la mente non sia focalizzata soltanto sul dolore.

Per epilarsi correttamente, è importante che i peli abbiano una lunghezza di almeno 5 mm: la pelle deve essere curata e priva di sostanze oleose o a base d’alcool sulla superficie. Qualche giorno prima di procedere con l’epilazione, una bella esfoliazione è sicuramente consigliata: in questo modo si andranno ad eliminare tutte le impurità e le cellule della pelle morte, prevenendo, inoltre, la comparsa di peli incarniti.

Una volta trattata la zona (ricordiamo che l’epilatore deve essere utilizzato sempre contropelo), potrebbero formarsi zone un po’ arrossate delle quali non bisognerà preoccuparsi: queste tenderanno a sparire in poche ore! La pelle avrà bisogno di essere idratata con creme specifiche o rimedi naturali: l’olio di oliva, la camomilla e l’aloe vera, sono campioni di idratazione! Prendersi cura della propria pelle con costanza, ammorbidirà i tessuti e migliorerà sicuramente l’epilazione, che diventerà meno problematica e meno dolorosa.

L’epilatore potrà così diventare il nuovo migliore amico che stavamo cercando: basta solo essere pronte a conoscerlo, senza troppi pregiudizi ma con tanto entusiasmo!

Piastre per capelli, piastre per tutti!

Capelli, che passione! Ogni donna sa che arriva puntualmente il giorno in cui è necessario combattere la battaglia contro una chioma apparentemente indomabile: quel giorno, poi, ha sempre la facoltà di coincidere con un’agenda sempre pienissima di impegni e appuntamenti, magari di lavoro, per i quali c’è sempre bisogno di essere al top. E quando si ha letteralmente un diavolo per capello, trovare la giusta concentrazione per affrontare la giornata, rischia di diventare una rincorsa sfrenata verso una terribile utopia.

piastrare-i-capelliEcco che, in nostro soccorso, puntualmente arrivano le piastre per capelli, le guerriere numero uno per combattere l’umidità e il crespo delle nostre chiome. Tendenzialmente, la piastra per capelli è uno strumento molto caro alle ragazze con capelli mossi o piuttosto ricci: cambiare è nel DNA di ogni donna e i capelli, certamente, non sempre possono ringraziarci per le sedute dal parrucchiere durante le quali colore e taglio vengono irrimediabilmente stravolti.

Sfruttando, con parsimonia, le potenzialità di una buona piastra per capelli, sarà possibile stravolgere la forma, ma non il “contenuto”: i capelli, se tinti troppo spesso, rischiano di rovinarsi e bruciarsi. E un taglio, lo sappiamo tutte, può trasformarsi nel peggiore degli incubi, non appena tornate a casa, di fronte al giudizio impassibile dello specchio.

La piastra, grazie alle sue potenzialità e funzionalità, può, dunque, cambiare l’aspetto dei nostri capelli senza farlo in maniera veramente drastica. Come? Sfruttando il calore!

È sicuramente consigliato affidare i nostri capelli a delle piastre buone, piuttosto che a degli strumenti un po’ scadenti ma a buon mercato: i modelli superiori, infatti, garantiscono una temperatura sempre costante e impostata per far sì che i capelli non siano rovinati con l’andare del tempo. Le dimensioni, poi, contano: in base alla lunghezza dei propri capelli, è importante considerare anche la portata della piastra che andremo ad acquistare. Per esempio, chi ha i capelli molto lunghi dovrebbe tenere a mente due differenti modalità di valutazione della piastra da acquistare: una piastra molto larga, velocizzerà sicuramente la lisciatura, ma non consentirà di ondulare o smuovere i capelli nel caso in cui se ne senta il bisogno, per dare un po’ di movimento alla chioma.

Tra le piastre migliori in commercio, sicuramente quelle agli ioni rappresentano il top: grazie alla funzione degli ioni negativi, i capelli risultano subito meno elettrici, più setosi e soprattutto molto più luminosi. Combinando gli ioni alla ceramica, si darà un taglio anche ai consumi, andando a migliorare notevolmente la distribuzione di calore: sarà più omogenea e migliorerà, a lungo andare, la salute del capello, donando lucentezza e splendore.

Che dire poi della temperatura? È fondamentale per salvaguardare la salute dei propri capelli. Per esempio, una temperatura più elevata è da prediligersi nel caso di capelli molto folti e mossi, mentre le chiome lisce, con capelli sottili e non troppo forti, dovrebbero essere trattate con sessioni di stiratura – o “ondulazione” – a temperatura sempre inferiore ai 200 °C.

Scegliere la giusta piastra, farà la differenza per scegliere la giusta acconciatura!